Picasso è un contemporaneo? E Duchamp?
Certamente: la cultura europea insegna che l’arte contemporanea nasce con l’impressionismo, abbracciando tutto il 900 fino ai giorni nostri.
Decisamente troppo.
Con gli americani va un po’ meglio; più pratici e meno storicizzati,  distinguono tra “modern art” e “contemporary art”, attribuendo quale punto di partenza di quest’ultima l’affermarsi negli USA dell’espressionismo astratto, grossomodo negli anni ’50.
Ancora troppa roba.
Sarà meglio procedere a ritroso, partendo dal presente o quasi, magari seguendo qualche traccia quando è proprio necessario.
Un modesto schedario sui protagonisti delle vicende artistiche di questi ultimi decenni, senza pretese di alcun genere; solo spunti, suggerimenti orientativi per le giovani marmotte che, semplicemente, annusano in giro..
fabiopenny

 

Andrea Pazienza “gli ultimi giorni di Pompeo” 1987