Wim Delvoye

Cloaca è una installazione, presentata per la prima volta nel 2000 al Museo di arte contemporanea di Anversa,  a grandezza naturale di sei contenitori di vetro collegati tra loro con fili, tubi e pompe. Ogni giorno la macchina riceveva una certa quantità di cibo.
Carne, pesce, verdure e pasticcini passavano attraverso un frullatore gigante, venivano mescolati con acqua e versati in barattoli pieni di acidi e liquidi enzimatici. Lì ottennero lo stesso trattamento che avrebbe fornito lo stomaco umano. Le unità elettroniche e meccaniche controllavano il processo e dopo quasi due giorni il cibo usciva da un’unità di filtraggio come qualcosa di simile alla vera merda umana.
Durante la mostra, la catena di montaggio puzzolente ha causato una certa costernazione. Sembrava portare un messaggio infernale nel mondo. C’è abbastanza sterco così com’è. Perché fare di più?
Peggio ancora, l’installazione è stata collocata in uno spazio freddo e pulito del museo, dove è stata alimentata da uno chef di prima classe che ha preparato due pasti al giorno in una cucina adiacente. L’atmosfera suggeriva un ospedale attrezzato per uno strano esperimento – la nascita e la cura di una macchina che mangia e defeca – un bambino meccanico. “Ciao”, sembrava dire “Sono quasi come te”. (Els Fiers)

wim-delvoye-cloaca-machines