Peter Doig

non ho mai un piano preciso nella testa ma so che voglio come risultato un’atmosfera

 

100 Years Ago, 2002
olio su tela di lino cm 229×359 Centre Pompidou Parigi

A volte dipingo persone assorte che cercano di capire, di trovare un senso nell’ambiente intorno a loro. Ma in realtà il ruolo della figura è sempre lo stesso: catturare l’attenzione di chi guarda e avvincerlo, attirandolo nel quadro


-The-Architect’s Home in the-Ravine-signed, 1991

Night Fishing, 1993

Felix Gonzales Torres

Volevo attaccare il sistema dell’arte e essere generoso. Volevo che il pubblico potesse conservare il mio lavoro. Era davvero eccitante che qualcuno potesse venire alla mostra e potesse andarsene a casa con un mio lavoro. Freud ha detto che mettiamo in scena le nostre paure per diminuirle. In un certo senso questa generosità – il rifiuto di una forma statica, della scultura monolitica, a vantaggio di una forma fragile, instabile – era un modo per mettere in scena la mia paura di perdere Ross, che scompariva a poco a poco davanti ai miei occhi. Ed è una sensazione molto strana quando vedi il pubblico che entra in galleria e se ne va con un pezzo di carta che è tuo

L1007253-600
“Untitled” (Portrait of Ross in L.A.) 1991

“…Gonzalez-Torres è un artista cubano, nato nel 1957, e il suo percorso artistico può essere definito come una vera e propria poetica dell’assenza. Egli non pretende con la sua arte di trovare una soluzione ai problemi, alle grandi domande della vita , ma semplicemente di metterle davanti allo spettatore e fornire lo spunto di una riflessione. I suoi lavori parlano di amore , di perdita e di sofferenza, ma sono opere piene di vita e di gioia.
Il centro del suo mondo e della sua arte è stato il suo compagno Ross, al quale ha dedicato non solo la sua vita intima ma anche tutta la sua produzione artistica, simboleggiando ciò che comporta la completa fusione nell’amore: la totale donazione di sé all’altro che conduce anche ad un venire meno dell’integrità di sé stessi, abbracciando coscientemente la propria fragilità in favore di questo sentimento. L’assenza poi, diventa un mezzo per comprendere il valore unico della permanenza: confrontando la morte di Ross con la propria (anche lui aveva contratto l’AIDS), Torres non esprime la morte, ma un profondo desiderio di continuità della vita.”(Cristina Pirsigilli)

GF1991-084-Untitled-location-1.p-800x529
“Untitled” – 1991

felix-gonzales-torres
Perfect Lovers – 1991

Motoi Yamamoto

“Disegnare un labirinto di sale è come seguire
una traccia della mia memoria.
I ricordi sembrano cambiare e scomparire col passare del tempo; Tuttavia, ciò che cerco è  catturare un momento congelato che non può essere raggiunto attraverso immagini o scritti. Quello che cerco alla fine nell’atto del disegno potrebbe essere una sensazione di toccare una memoria preziosa.”

Wim Delvoye

Cloaca è una installazione, presentata per la prima volta nel 2000 al Museo di arte contemporanea di Anversa,  a grandezza naturale di sei contenitori di vetro collegati tra loro con fili, tubi e pompe. Ogni giorno la macchina riceveva una certa quantità di cibo.
Carne, pesce, verdure e pasticcini passavano attraverso un frullatore gigante, venivano mescolati con acqua e versati in barattoli pieni di acidi e liquidi enzimatici. Lì ottennero lo stesso trattamento che avrebbe fornito lo stomaco umano. Le unità elettroniche e meccaniche controllavano il processo e dopo quasi due giorni il cibo usciva da un’unità di filtraggio come qualcosa di simile alla vera merda umana.
Durante la mostra, la catena di montaggio puzzolente ha causato una certa costernazione. Sembrava portare un messaggio infernale nel mondo. C’è abbastanza sterco così com’è. Perché fare di più?
Peggio ancora, l’installazione è stata collocata in uno spazio freddo e pulito del museo, dove è stata alimentata da uno chef di prima classe che ha preparato due pasti al giorno in una cucina adiacente. L’atmosfera suggeriva un ospedale attrezzato per uno strano esperimento – la nascita e la cura di una macchina che mangia e defeca – un bambino meccanico. “Ciao”, sembrava dire “Sono quasi come te”. (Els Fiers)

wim-delvoye-cloaca-machines

Cindy Sherman

“Benchè non abbia mai considerato le mie opere come espressione di un femminismo attivo né come una presa di posizione politica, esse si basano indubbiamente su quanto io come donna osservo in questa società.
Ed in parte sono una storia d’amore e di odio: il make-up e il glamour, infatti, mi affascinano, ma allo stesso tempo li detesto.
Ciò deriva dal desiderio di apparire belle e sexy come vere giovani donne, senza sentirsi subito prigioniere di questa struttura.”

Continua a leggere Cindy Sherman